The Return of the Ring: parla Peter Gilliver

Peter GilliverTra gli ospiti di riguardo al “Return of the Rings”, che inizia domani e di cui abbiamo parlato qui, ci sarà anche Peter Gilliver. È uno dei tre autori (insieme con Jeremy Marshall ed Edmund Weiner) del volume The Ring of Words: Tolkien and the Oxford English Dictionary. Tutti gli autori sono redattori di lunga data del OED e la loro esperienza apre prospettive nuove sull’attività di Tolkien come lessicografo (lavorò ad alcuni lemmi del dizionario dal 1918 al 1920) e rivelano indizi interessantissimi su come il lavoro professionale dello scrittore all’Oxford English Dictionary influenzarono il linguaggio nel suo mondo immaginario. La Tolkien Society inglese lo ha intervistato e ha offerto a noi l’esclusiva della traduzione in italiano. Eccovi quindi l’intervista integrale.

Cosa ti ha fatto diventare un lessicografo?
«La risposta breve è che, nel 1987, ho visto un annuncio e fatto richiesta! In realtà, non ho nemmeno visto l’annuncio: un amico (a cui sarò eternamente grato) stava leggendo il New Scientist e mi ha detto: “Ehi Peter, so che ti piacciono le parole, lo hai visto questo?” Io di certo non avevo preso in considerazione prima di allora la lessicografia come una possibile professione, non mi ricordo nemmeno di aver mai pensato che i dizionari che usavo spesso fossero scritti da qualcuno, per non parlare del fatto che avessi mai pensato al fatto che questo fosse una cosa divertente da fare. E il mio percorso fino a quel momento – un lettorato in matematica all’università di Cambridge, un anno di lavoro presso la Bodleian Library di Oxford e poi un master in Scienze dell’Informazione all’università di Sheffield – non era rivolto nella direzione di lavorare con la lingua inglese. Mi considero molto fortunato ad aver ottenuto il lavoro. Anche se, forse, guardando indietro c’era qualcosa di inevitabile: nonostante i miei interessi scientifici, ho sempre avuto un fascino per le lingue, senza dubbio a causa della mia situazione familiare. I miei genitori erano entrambi insegnanti di inglese e la mia famiglia parlava (anzi dibatteva) sulla lingua tutto il tempo. Così forse era nel mio sangue».

Libro: "The Ring of words" di Peter Gilliver, Jeremy Marshall ed Edmund WeinerNello scrivere The Ring of Words qual è la cosa più affascinante che avete scoperto?
«Penso la cosa più interessante sia stato realizzare che io e i miei colleghi autori condividevamo un terreno comune con Tolkien per via del nostro lavoro. Una delle cose che costituiscono il fulcro dei processi creativi di Tolkien è stato il modo in cui riuscì a concentrarsi su una sola parola – e questa concentrazione, pensando alle origini della parola e a tutte le ramificazioni del suo significato – era il punto di partenza per un volo della su immaginazione fantastica e portava alla genesi di una qualche nuova idea nella Terra-di-mezzo. Ma concentrandosi su una sola parola è l’essenza di ciò che un lessicografo fa: questo è quello che facciamo, quasi tutto il giorno, tutti i giorni. Naturalmente, da parte sua Tolkien ha avuto una straordinaria immaginazione da aggiungere al processo, mentre io purtroppo non riesco a far
lo stesso!».

Alcune delle parole inventate da Tolkien stanno cominciando a diventare uno standard nella lingua inglese. Dopo aver scritto il libro, avete trovato qualcuno dei nuovi conii di Tolkien che è entrato nell’OED?
«Non so quali delle parole inventate da Tolkien siano state aggiunte al dizionario prima della pubblicazione del nostro libro, ma la parola “Ruel-bone” [un termine raro per un particolare tipo di avorio, forse la varietà fatta dalla zanna di tricheco], che abbiamo rivisto di recente, fornisce un altro esempio di un parola pre-esistente cui lo scrittore ha dato nuova vita usandola. Non è ancora esattamente una parola d’uso comune, ma sembra essere stata ripresa da altri scrittori fantasy – e l’uso che ne ha fatto Tolkien sembra la spiegazione più probabile».
Quanto credi sia stato importante il periodo che Tolkien ha passato sull’Oxford English Dictionary nel plasmare i suoi lavori accademici e non accademici?
«Non è importante, è stato cruciale! Difficilmente sarebbe divenuto un filologo senza quel periodo di “tirocinio” all’OED (sulla base della formazione ricevuta in precedenza come studente universitario) e, come ho già detto, lo ha anche incoraggiato verso quel modo particolare di pensiero (immaginativo) che ha giocato un ruolo chiave nella sua scrittura creativa».

Qual èil tuo libro di Tolkien preferito, e quale personaggio e luogo?
«Il libro preferito è Il Signore degli Anelli perché esemplifica tutte le cose che mi piacciono della sua scrittura. Il personaggio preferito? Non posso davvero dirne uno perché quando penso al suo mondo, è l’interazione di tutti i personaggi che, per me, lo rende reale. Per il luogo preferito potrei dare la stessa risposta, per gli stessi motivi… ma dirò il Campo di Cormallen, solo perché quando il menestrello canta e “la loro gioia era come spade”, mi trascina ogni volta che lo leggo».

Appunti di Tolkien per l'Oxford English DictionaryPerché pensi che Tolkien sia ancora oggi un autore così popolare?
«Ehm… non ci sono persone hanno scritto libri su questo argomento?! Penso che ci siano tanti motivi: la ricchezza del mondo da lui creato, che attira con il suo incredibile livello di dettaglio (alcuni dei quali solo intravisti), la sua incredibile abilità nel raccontare una buona storia, e la sua abilità nel padroneggiare i diversi tipi di registro linguistico per scriverla… Penso che per le persone che amano Tolkien sia spesso difficile dire esattamente il perché, e io sono probabilmente uno di loro. Se proprio devo scegliere un motivo, probabilmente direi che è la potenza che ha la sua scrittura di coinvolgermi e di commuovermi. Ma questo solleva tante altre domande!».

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
«Beh, la revisione dell’OED impegnerà me e i miei colleghi ancora per un bel po’ – e non riesco a pensare agli altri lavori che preferirei fare! Ma sto anche cercando di finire la storia di questo progetto, la sto scrivendo nel mio tempo libero, e che dovrebbe essere pubblicato dalla Oxford University Press tra un paio d’anni, se riesco a mantenere il programma».

Cosa ti aspetti dal convegno “The Return of the Ring”?
«La possibilità di incontrarsi e scambiare idee con gli altri studiosi di Tolkien. E per sapere se qualcun altro è d’accordo con le idee esporrò nel mio intervento».

VAI ALLA PRESENTAZIONE DI RETURN OF THE RING
VAI AL SITO DEL RETURN OF THE RING
VAI AL SITO DELLA OXFORD ENGLISH DICTIONARY

.


 


Share This Post

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More

Trackbacks/Pingbacks

  1. Celebrare J.R.R. Tolkien a Loughborough « Tutto sul mondo di J.R.R. Tolkien e dintorni

Leave a Reply

 characters available

Iscriviti alla nostra Newsletter

Commenti più recenti

Pagine

Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere periodico, non rappresentano prodotto editoriale (ex L.62/2001).

Licenza Creative Commons

Quest'opera di http:www.jrrtolkien.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili nella pagina dei contatti.
Utilizziamo WP e una rielaborazione del tema LightFolio di Dynamicwp.