Anche a Oxford da marzo si insegna Tolkien

Facoltà-IngleseJ.R.R. Tolkien è uno degli scrittori più noti del XX secolo e i suoi libri Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit hanno intrattenuto e, al tempo stesso, incuriosito i lettori per decenni, diventando tra i libri più popolari di tutti i tempi. Molte persone hanno letto questi romanzi, o visto gli adattamenti cinematografici, ma hanno avuto poche opportunità di approfondire maggiormente il loro interesse. Per soddisfare quest’esigenza la Facoltà di inglese dell’università di oxford (dove Tolkien ha insegnato per la maggior parte della sua carriera) ha organizzato la “Oxford Tolkien Spring School”, rivolta a coloro che hanno letto i romanzi dello scrittore inglese e vogliono scoprire di più. Sono previste una serie di lezioni introduttive tenute dai maggiori studiosi di Tolkien a livello mondiale, che si terranno presso la Facoltà dal 21 al 23 Marzo 2013. La facoltà di inglese dell’università di Oxford è la più grande in Gran Bretagna, e una delle più illustri scuole di inglese in tutto il mondo. Fondata nel 1894, ha annoverato tra i suoi membri alcuni dei più importanti critici e studiosi del settore, tra cui J.R.R. Tolkien, C.S. Lewis, Edmund Blunden, Nevill Coghill, Helen Gardner, Richard Ellmann, Terry Eagleton e molti altri.

Le conferenze

EFLGli interventi riguarderanno la vita di Tolkien, il suo lavoro come un accademico, la sua mitologia, le influenze della letteratura medievale per la sua narrativa, i suoi linguaggi, Lo Hobbit, Il Signore degli Anelli e le sue altre opere meno conosciute. Ci sarà anche una tavola rotonda che discuterà sul posto di Tolkien nel canone letterario. Prevista anche la possibilità di visitare i luoghi di Oxford che furono più importanti per Tolkien e i suoi colleghi, nonché una esplorazione introduttiva alla collezione dei manoscritti di Tolkien conservata presso l’Università. La Scuola è aperta a tutti e si rivolge in particolare a coloro che hanno letto i romanzi di Tolkien, ma ora sono alla ricerca di un’introduzione alla sua mitologia, ad altre aree di studio, e a un più profondo studio critico dei testi.

Tra i relatori:
* John Garth su “La vita di J.R.R. Tolkien”.
* Thomas Honegger su “Tolkien come studioso accademico”.
* Carl Phelpstead su “La mitologia di Tolkien”.
* Elizabeth Solopova su ” Le lingue di Tolkien”.
* Mark Atherton su “Tolkien e la letteratura medievale inglese antica (Old English)”.
* Stuart Lee su “Lo Hobbit”.
* Anna Caughey su “Il Signore degli Anelli”.
* Maria Artamonova su “Le altre opere di Tolkien”.
* Edmund Weiner su “Tolkien e il gioco di parole”.

Tutto l’evento avrà luogo dal pomeriggio del 21 marzo fino al pranzo del 23 marzo. La tassa di frequenza per l’intero evento è di 160 sterline, compresi i rinfreschi, oltre a un banchetto opzionale la sera del 22 marzo al Balliol College al costo di 40 sterline. Per mantenere i costi al minimo i delegati sono invitati a organizzarsi in proprio il viaggio e l’alloggio. «Crediamo che questa scuola si rivelerà estremamente popolare», fanno sapere gli organizzatori, «così vi consigliamo di prenotare in anticipo per evitare delusioni». Per effettuare la registrazione, si può cliccare questo link. Per ulteriori informazioni si può contattare il seguente indirizzo: english.office@ell.ox.ac.uk . Si prega di includere nell’oggetto del messaggio le parole “Tolkien Spring School”.

– Vai al sito della Facoltà di inglese di Oxford

.


 


Share This Post

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More

1 Comment to “Anche a Oxford da marzo si insegna Tolkien”

  1. Gwindor ha detto:

    Si va?

Leave a Reply

 characters available

Iscriviti alla nostra Newsletter

Commenti più recenti

Pagine

Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere periodico, non rappresentano prodotto editoriale (ex L.62/2001).

Licenza Creative Commons

Quest'opera di http:www.jrrtolkien.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili nella pagina dei contatti.
Utilizziamo WP e una rielaborazione del tema LightFolio di Dynamicwp.