A Castellanza il festival dei tolkieniani italiani

Manifesto del Castellanza festivalSi preannuncia come l’evento tolkieniano dell’anno in Italia, naturalmente dopo l’uscita del primo dei tre film di Peter Jackson sullo Hobbit di J.R.R. Tolkien. La terza edizione del festival Tolkieniana.net si trasferisce a nord di Milano, in una posizione invidiabile, a due passi dalla metropoli e dall’aeroporto di Malpensa. Per la prima volta a Castellanza, in provincia di Varese, nella bella sede di Villa Pomini, l’8 e il 9 settembre 2012 si svolgerà la grande riunione degli appasionati dei libri dello scrittore inglese. Dopo le due edizioni svoltesi nel 2005 e 2006 a Buccinasco (Milano), cui partecipò anche l’Associazione romana studi Tolkieniana, quest’anno gli organizzatori hanno voluto pensare in grande. Nuova location, più raggiungibile, nuove energie e soprattutto, grandi prospettive di crescita per un evento che aspira a divenire nazionale, ma che già guarda oltre le Alpi…
Il festival è organizzato dall’Assessorato alla Cultura di Castellanza e dalle associazioni Tolkeniana Net, Eldalië e Granburrone. Grazie al gran lavoro di Edoardo Volpi Kellermann e Gianluca Comastri, c’è una forte volontà di collegare presente e passato. Come nel 2006, infatti, la manifestazione si svilupperà su due filoni paralleli, che si articoleranno in altrettanti eventi: “Aspettando lo Hobbit” e “Ritorno a Númenor”. «Vogliamo puntare allo spirito originario del progetto Tolkieniana.net», ci dice Volpi Kellermann, «le parole d’ordine sono: “condivisione”, “passione per Tolkien” e “aspirazione interzionale”. Per questo abbiamo accolto la collaborazione di molti gruppi locali e abbiamo contattato scrittori e artisti italiani e stranieri». La forte caratterizzazione del festival è confermata anche dalle istituzioni. «Obiettivo del festival è avvicinare Tolkien al grande pubblico con interventi e iniziative che vanno dalla fascia basso-divulgativa a un livello culturale medio-alto», spiega Fabrizio Giachi, assessore alla Cultura di Castellanza, «legandolo a una parte della letteratura a lui correlata (epica, fiaba, fantasy e fantascienza) e a una tematica d’attualità: il valore intellettuale della letteratura di fantasia e i modi in cui le sue visioni possono contribuire al dibattito sullo sviluppo socioculturale sostenibile».

Il programma

Villa Pomini a Castellanza (Va)Con delle premesse del genere, il programma non può che essere legato all’immaginario citato, ma con i piedi ben ancorati al terreno. Non mancheranno infatti, momenti di riflessione sulla realtà quotidiana, come la cena di beneficenza il sabato sera a favore delle zone della provincia di Mantova colpite dal sisma o la tavola rotonda sulla modernità dell’immaginario tolkieniano. Chiaramente, sarà il mondo inventato dal professore di Oxford al centro di molti degli incontri. Rievocazioni in costume e spettacoli d’arme si alterneranno a conferenze e concerti, mentre tornei e laboratori si accompagneranno a esposizioni artistiche e di artigianato. Il tutto sarà accompagnato da giochi di ruolo e laboratori sulle mappe
che descrivono la Terra di Mezzo e sulle lingue che la caratterizzano.
Libro: "Lullaby" di Barbara BaraldiMadrina dell’evento sarà Barbara Baraldi, autrice di romanzi noir, libri per ragazzi e sceneggiature di fumetti. Nei suoi testi la scrittrice racconta le inquietudini e il lato oscuro della quotidianità. Ha pubblicato diversi romanzi e novelle “nere”, consacrandosi come rivelazione del thriller gotico italiano: Un sogno lungo un’estate (Einaudi 2012), Scarlett – Il bacio del demone (Mondadori 2011), 101 misteri di Bologna (che non saranno mai risolti) (Newton & Compton 2011), Bloodymilla (Delosbooks 2011), La bambola dagli occhi di cristallo (Castelvecchi 2011), Scarlett (Mondadori 2010), Lullaby – La ninna nanna della morte (Castelvecchi 2010), Bambole pericolose (Mondadori 2010), La casa di Amelia (PerdisaPop 2009), La bambola dagli occhi di cristallo (Mondadori 2008), Il giardino dei bambini perduti (Mondadori 2008), La collezionista di sogni infranti (PerdisaPop 2007), La ragazza dalle ali di serpente (Zoe 2007).
gruppo di rievocazione medievale: i TemplariTra le molte associazioni presenti dedite alle rievocazioni storiche medievali, segnaliamo gli accampamenti visitabili, con tanto di mercanti e mercanzie da parte di: l’Associazione Rievocazioni Storiche (Ars), nata allo scopo di promuovere la conoscenza della storia medievale principalmente sul territorio di Lecco, della sua provincia e delle aree limitrofe; l’Associazione Culturale Commenda San Giorgio, nata a Galliate (No) nel 2010, che ha l’intento di ricreare la vita quotidiana del periodo tra il 1190 e il 1250 focalizzandosi particolarmente sull’Ordine dei Templari; la Compagnia del Corvo di Selene, nata a Marnate (Va) nel 2009, che si propone di far rivivere la vita da campo e le tecniche di combattimento con l’arco dalla metà del XIII secolo al tardo Trecento. L’associazione si occupa anche di diverse attività artigianali (
quali la lavorazione della pelle e dei metalli, la costruzione del materiale arcieristico e degli attendamenti) studiando e utilizzando le diverse tecniche dell’epoca, cercando così di essere il più possibile accurati e fedeli al periodo storico proposto; infine, la Compagnia de’ Viaggiatori in Arme, associazione nata nel 1995 e dedita al mondo di Tolkien e al Medioevo, che è specializzata nella rievocazione di figure e abiti medioevali, scherma corazzata, tiro con l’arco, fino alla ricostruzione di una tenda vichinga e relativo fuoco da campo, ma senza dimenticare passione come il gioco di ruolo e i mattoncini della Lego!
Musica: gruppo CantlosRicco il programma anche per quanto riguarda la musica: Non mancheranno i Lingalad, il gruppo musicale fondato nel 1999 che da qualche anno porta in scena concerti dedicati al “Signore degli Anelli” di Tolkien. Il Gruppo è formato da Giuseppe Festa, Fabio Ardizzone, Claudio Morlotti e Giorgio Parato. Ci saranno anche i Cantlos – Musica celtica al femminile. Il gruppo, fondato a Novara nel 2004, offre un vasto repertorio che spazia dalla musica tradizionale irlandese, scozzese e bretone a cui si aggiungono brani di propria composizione. Il gruppo ha prodotto un cd “Il tempo delle canzoni”: Rita Pedroni alla voce, Ilaria Carlini al flauto, Lucia Colombo al violoncello, Sarah Leo al violino, Veronica Arlenghi alla chitarra, Sofia Scabarrà all’arpa e Dome Palumbo alle percussioni. Presente, infine, anche l’Associazione artistico-culturale Artisti in Prima Linea): sono tutti artisti professionisti (concertisti, orchestrali, musicisti eclettici, pittori, illustratori, poeti, scrittori, giornalisti, attori, enologi, scultori…) che hanno l’obiettivo di promuovere l’Arte e la Cultura in concomitanza fra loro.

Conferenze

Artisti: Fabio Porfidia, disegnatoreTra gli incontri, da segnalare quelli con gli scrittori: Elvio Ravasio, autore di I Guerrieri d’argento, una storia fantasy con contaminazioni che inglobano il mondo dei supereroi; Marta Leandra Mandelli, che ha pubblicato “Oltremondo – Petali di rosa e fili di ragnatela” (Albatros, 2011), primo capitolo di una saga fantasy incentrata sull’esistenza di mondi alternativi, e il sequel “Oltremondo – L’orizzonte delle Dimensioni” (Edizioni PerSempre, 2012); Fabrizio Valenza, autore di due capitoli della saga il fantasy Geshwa Olers e il viaggio nel Masso Verde (L’Età dell’Acquario, 2008) e La faida dei Logontras (Domino Edizioni, 2009), del romance La ragazza della tempesta (Domino Edizioni, 2009), dell’horror Commento d’autore (Linee Infinite, 2011) e del romanzo breve
La porta sbagliata (Editrice GDS, 2012).
Molti i conferenzieri che interverranno, fra i quali Adolfo Morganti, Paolo Gulisano, Chiara Nejrotti.
Artisti: Daniel Reeve, illustratore e calligrafoOspite d’onore “virtuale”, protagonista di una teleconferenza in diretta con la Nuova Zelanda, torna Daniel Reeve, il grande illustratore e cartografo protagonista della seconda edizione del festival, ingaggiato come calligrafo e cartografo sia nella saga cinematografica del Signore degli Anelli, sia nella nuova triolgia dedicata a Lo Hobbit il cui primo film Lo Hobbit – Un Viaggio Inaspettato arriverà in italia il 13 dicembre prossimo.
L’artista Fabio Porfidia terrà esibizioni di disegno dal vivo e una mostra d’immagini legate a Tolkien e all’immaginario fantasy.
Dulcis in fundo, uno degli incontri più interessanti sarà quello con Claudio Testi e Alberto Ladavas per l’editore Marietti 1820, che illustreranno il lavoro del Gruppo di Studio, coordinato dall’Associazione romana studi Tolkieniani e dall’Istituto filosofico di studi tomistici, che ha portato un contributo originale italiano a una collana già prestigiosa come Tolkien e dintorni, che ha curato la traduzione italiana di saggi fondamentali per lo studio di Tolkien tra cui i biografici Tolkien e la Grande Guerra di John Garth e Gli Inklings di Carpenter, Schegge di luce di Verlyn Flieger e naturalmente La via per la Terra di Mezzo di John Shippey.

– VAI AL SITO UFFICIALE DEL FESTIVAL TOLKIENIANA DI CASTELLANZA
– VAI ALLA PAGINA FACEBOOK DEL FESTIVAL
– VAI AL SITO DELLA CASA EDITRICE MARIETTI 1820
– VAI AL SITO DI FABIO PORFIDIA
– VAI AL SITO DI BARBARA BARALDI
.



Share This Post

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More

Trackbacks/Pingbacks

  1. Tolkieniana Net CastellanzaLega Nerd

Leave a Reply

 characters available

Iscriviti alla nostra Newsletter

Commenti più recenti

Pagine

Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere periodico, non rappresentano prodotto editoriale (ex L.62/2001).

Licenza Creative Commons

Quest'opera di http:www.jrrtolkien.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili nella pagina dei contatti.
Utilizziamo WP e una rielaborazione del tema LightFolio di Dynamicwp.