Sabato 26 a Birmingham apre la torre di Tolkien

Le due Torri a EgbagtonCi sono molti luoghi, storie ed eventi che si dice abbiano ispirato J.R.R. Tolkien nei suoi racconti sulla Terra di Mezzo. Una che da molti anni intriga gli appassionati è la torre chiamata Perrott’s Folly, nelle Midlands occidentali, in Inghilterra. Questa torre dalla forma inconsueta si trova a Edgbaston, alla periferia di Birmingham, una zona in cui Tolkien visse quando era un ragazzo. È una struttura alta 96 piedi, costruita da John Perrott nel 1758 per ragioni che oggi si sono perdute – forse perché doveva essere semplicemente uno status symbol, sebbene sia più romantico credere che lo abbia voluto costruire per poter vedere sempre la tomba della moglie, che si trovava a 15 miglia di distanza, anche se sua moglie era ancora viva quando il nobile decise di costruire la torre… Gli scettici dicono che il vero motivo fosse quello di controllare la conserte ed eventualmente sventare le sue infedeltà…

Un giorno tra arte e vita sociale

Torre Perrott's Folly a BirminghamSi possono leggere molte altre informazioni sulla Perrott’s Folly e sulla supposta influenza su Tolkien in un articolo che abbiamo scritto in passato. Normalmente, questa strana costruzione non è aperta al pubblico. I molti appassionati che si recano a fare il famoso “Tolkien Trail” di Birmingham, vengono mandati via delusi. Ebbene, sabato prossimo, 26 ottobre 2013, la «follia di Perrot» aprirà al pubblico! L’occasione è il «Drawing day», il giorno dedicato alle illustrazioni, organizzato dall’ente benefico che gestisce la torre, il Trident Reach the People Charity. Sarà una giornata dedicata soprattutto alle famiglie, un evento artistico sperimentale, in cui si potrà ragionare su come la Perrott’s Folly potrebbe essere in futuro, sul suo ruolo e la sua utilità per la città. La manifestazione durerà dalle 11 del mattino alle 17 del pomeriggio ed sarà aperta a tutti gratuitamente. Maggiori informazioni si possono trovare qui. Per gli appassionati di Tolkien sarà anche un’opportunità per visitare l’interno della struttura di un edificio che sicuramente era familiare allo scrittore e che potrebbe essere vista come una delle sue «Due Torri».

Un progetto benefico

Perrott's Folly a BirminghamLa torre di John Perrott è stata acquistata lo scorso gennaio dall’ente benefico per la simbolica somma di una sterlina. Ma i lavori di ristrutturazione sono costati oltre un milione di sterline. L’amministratore delegato della Trident Reach the People Charity è un appassionato di Tolkien e ha accettato di trasformare la torre – più nota all’estero che a Birmingham – in un centro culturale. Tutelato dalle Belle Arti britanniche, l’edifico vorrebbe presto ospitare esposizioni artistiche e celebrazioni
tolkieniane. I nuovi proprietari del Trident non ne vogliono fare soltanto un’attrazione turistica, ma usarlo anche per attività sociali. Come si legge sul sito ufficiale, il Folly Project «vuole stimolare un dialogo tra gli artisti, gli edifici di interesse storico e le comunità in cui vivono. Speriamo che molti di voi verranno a condividere le proprie idee per aprire un nuovo spazio di arte concettuale e architettura».

ARTICOLI PRECEDENTI:
La torre che ispirò Tolkien venduta per una sterlina.

LINK ESTERNI:
– Vai al sito del Folly Project
– Vai al sito dell’ente Trident Reach the People Charity

.


 


Share This Post

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More

Trackbacks/Pingbacks

  1. A Birmingham nuove idee per la torre di Tolkien « Tutto sul mondo di J.R.R. Tolkien e dintorni – Tolkien Society of Italy

Leave a Reply

 characters available

Iscriviti alla nostra Newsletter

Commenti più recenti

Pagine

Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere periodico, non rappresentano prodotto editoriale (ex L.62/2001).

Licenza Creative Commons

Quest'opera di http:www.jrrtolkien.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili nella pagina dei contatti.
Utilizziamo WP e una rielaborazione del tema LightFolio di Dynamicwp.