A Rimini il 25 luglio Il Silmarillion in musica

Abbazia di ScolcaVa in scena il Silmarillion. Nell’ambito del ciclo I venerdì di Scolca la sera del 25 luglio prossimo alla parrocchia di San Fortunato a Rimini sarà la prima dello spettacolo musicale Ainulindalë – La musica degli Ainur, creazione di un gruppo di quattro giovanissimi musicisti riminesi. L’Abbazia di Scolca, dal toponimo di origine germanica “skulka” che significa luogo di vedetta, nasce nel 1418 quando Carlo Malatesta dona a Pietro Ungaro la chiesa di Santa Maria Annunziata Nuova di Scolca, appena costruita a suffragio dell’anima dei genitori Galeotto e Gentile da Varano. Oggi è in atto un recupero artistico, culturale Abbazia di Scolcae spirituale del luogo e delle sue tradizioni. Nel 1805 la Scolca diviene sede parrocchiale intitolata a S. Fortunato vescovo di Todi.Nel 1925 è ripristinato il titolo abbaziale sotto la gestione della comunità dei monaci Olivetani. È il sesto anno che la Chiesa di San Fortunato e il sagrato antistante accolgono spettacoli che vedono alternarsi personaggi e autori di epoche diverse, collegati alla spiritualità e alla storia del luogo.

Lo spettacolo su Tolkien

Locandina di ScolcaLo spettacolo è caratterizzato da testo e atmosfere tratte dal Silmarillion di J.R.R. Tolkien, mentre le musiche sono di Nicolò Facciotto, Mattia Guerra, Federico Mecozzi e Ivan Tiraferri per orchestra e archi, fiati e percussioni. Tutto è cominciato come una sorta di sfida lanciata fra i quattro componenti del gruppo. Accomunati dalla passione per la musica e per la narrativa di Tolkien hanno pensato di tradurre in musica Ainulindalë, il capitolo introduttivo del Silmarillion. Il corpo di leggende dello scrittore inglese comincia con un «mito cosmogonico», così chiamato dallo stesso Tolkien, intitolato La musica degli Ainur. I quattro, diversi per temperamento e specializzazione, ma usciti tutti dalle aule delle classi strumentistiche dell’Istituto Musicale Pareggiato “G. Lettimi” di Rimini e partecipi da anni alla sperimentazione cameristica e piccolo-sinfonica dell’istituto di via Cairoli che li vede coinvolti in vari ruoli (strumentisti, solisti, direzione), hanno cominciato a comporre le loro musiche originali suddividendosi i compiti fra una decina di snodi del testo tolkieniano. Nel breve giro di un paio di mesi ha preso forma un’opera a più mani, uno spettacolo multimediale della durata di circa un’ora e mezza, nel quale Concertoi brani musicali saranno inframmezzati da brevi letture di parti del racconto, a fare da trama, e da immagini proiettate nell’architettura della chiesa. L’esecuzione è affidata agli stessi autori che guideranno una orchestra d’archi, fiati (legni e ottoni) e percussioni. La frequentazione del repertorio classico, romantico e novecentesco si sono così fusi, in questi compositori al debutto, con una particolare attenzione al minimalismo contemporaneo.

Un mito cosmogonico

Locandina Abbazia di ScolcaOltre che per mettere alla prova il talento dei quattro autori, per chi non ricordasse o non conoscesse La musica degli Ainur, la serata sarà l’occasione di fare l’incontro con il Tolkien primigenio, quello che ancora prima della saga del Signore degli Anelli, già nei primi taccuini del 1917, si incaricava di disegnare i suoi cicli epici, tratteggiando un mondo immaginario fatto a cerchi concentrici. Sono pagine straordinarie per la loro attualità senza tempo che narrano dell’inizio della creazione dell’universo e delle tensioni che vi si svilupparono, dove a prendere corpo e a incontrarsi e scontrarsi tra loro sono temi musicali, masse sonore, timbri e ritmi, insiemi sinfonici nei quali l’autore individua con precisione gli organici (arpe, liuti, flauti, trombe e così via).
Ne sorgerà uno scontro fra masse sinfoniche, che per ora lasciamo solo immaginare: per sapere come la storia va a finire, non possiamo fare altro che invitarvi allo spettacolo!

.


 


Share This Post

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More

Trackbacks/Pingbacks

  1. A Rimini Il Silmarillion con Angelo Branduardi « Tutto sul mondo di J.R.R. Tolkien e dintorni – Tolkien Society of Italy

Leave a Reply

 characters available

Iscriviti alla nostra Newsletter

Commenti più recenti

Pagine

Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere periodico, non rappresentano prodotto editoriale (ex L.62/2001).

Licenza Creative Commons

Quest'opera di http:www.jrrtolkien.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili nella pagina dei contatti.
Utilizziamo WP e una rielaborazione del tema LightFolio di Dynamicwp.