A Lucca 2016, Tolkien il Signore del Metallo

Seminari educational 2014Lucca Comics & Games 2016 si prospetta ricco di eventi per gli appassionati tolkieniani: oltre al calendario Lords for the Ring 2017 finalmente in vendita con la relativa mostra dei Maestri del fantasy italiano si terranno i Tolkien Seminar con i relatori AIST e non solo (ai quali potete iscrivervi qui). Il Tolkien Seminar Tolkien, Il signore del metallo. L’immaginario dello scrittore inglese nel panorama heavy metal, dal black al power prevederà la presentazione in anteprima del libro J. R. R. Tolkien. Il Signore del Metallo, che sarà disponibile nelle librerie da inizio novembre (tempi di distribuzione permettendo). Stefano Giorgianni, l’autore, ha rilasciano in via esclusiva un’intervista per il nostro sito: eccovela!

Libri: "Tolkien il signore del metallo"Quando e come ti è venuta l’idea di scrivere questo libro?
«Posso dire che non è stata un’idea nata in una frazione di secondo, partorita invece nel lungo periodo. Se dovessi dire il momento in cui ho veramente deciso di affrontare quest’impresa, sceglierei l’inizio della collaborazione con l’allora ArsT (oggi AIST) e la conseguente serie di telefonate con il presidente Roberto Arduini, siamo a qualche anno fa. Questo per il “quando”, il “come” è più semplice. Dopo aver accumulato un numero impressionante di canzoni e band che s’ispiravano a Tolkien, mi resi conto che dovevo farne qualcosa. Molti dei lettori di questo sito si ricorderanno degli articoli (ancora presenti in archivio) sulla relazione fra la letteratura tolkieniana e il Metal, quello è stato il vero punto di partenza del lungo percorso che mi ha portato alla stesura del libro.»

Quali sono le maggiori difficoltà che si sono presentate nella realizzazione del volume?
«Una su tutte la selezione delle band che potevano (non dovevano) entrarvi. Come tutti i critici o saggisti musicali che si cimentano in un così funesto compito, anch’io ho dovuto sottostare alla dura e spietata “legge della scelta”, tentando di essere il più imparziale possibile; ogni persona tende a privilegiare i propri gruppi preferiti, io ho provato a non farlo. Il materiale era comunque tantissimo, ce ne sarebbe da scrivere almeno un altro volume, soprattutto per quanto concerne il metal underground.»

Stefano GiorgianniDa quali autori di antologie musicali hai preso spunto, ce ne sono a cui sei debitore?
«Diversi, ho sempre cercato di mantenere un metodo di ricerca accademico, con l’indicazione delle fonti da cui proveniva la base di ciò che ho scritto, di modo che si potesse verificare la maggior parte delle informazioni. Se dovessi dirvi qualche titolo non prescinderei dal tanto discusso Lords Of Chaos di Michael Moynihan e Didrik Søderlind, una vera bibbia sui fatti legati al black metal norvegese degli anni ’90, Come Lupi Tra le Pecore di Davide Maspero e Max Ribaric, compendio fondamentale sul black nazionalsocialista, le varie biografie di Joel McIver e alcuni volumi sulla storia dell’Haight-Ashbury di San Francisco.»

Le band si sono dimostrate tutte collaborative?
«Con gli editori abbiamo deciso di realizzare interviste integrali ai gruppi che rappresentano il cosiddetto Tolkien Metal, e ci vuole veramente poca fantasia a pensare quali siano. Ho invece inserito singole dichiarazioni di band per così dire marginali, dove ce ne fosse stato il bisogno; in alcuni casi ho contattato gruppi per delle spiegazioni che non ho incluso nel volume, ma che mi hanno aiutato a capire le loro scelte e di conseguenza a operare le mie. Tutti si sono dimostrati meravigliosi ed entusiasti del progetto. Se vi devo dire con chi ho parlato di più non ci sono dubbi, Hansi Kürsch dei Blind Guardian.»

battle-at-helms-deepHai faticato a trovare una casa editrice che appoggiasse questo tuo progetto?

«Domanda che mi aspettavo e che fai bene a pormi, Valérie. Quando ho deciso di scrivere il libro non ho avuto dubbi, mi sono rivolto subito alla Tsunami, la casa che oggi reputo più qualificata per la realizzazione di libri legati alla scena rock/metal. In precedenza avevo discusso della mia idea con alcuni amici, che mi avevano indirizzato a case editrici sia più “piccole” che più “grandi”, ma non ho mai preso in considerazione altre ipotesi. Ho pertanto contattato la persona con cui, fino a quel momento, avevo avuto più a che fare: Alex Pietrogiacomi, ufficio stampa e comunicazione della casa editrice. A quel punto Alex ha girato la mia proposta a Eugenio e Massimo, le due menti della Tsunami, e si è fissata una riunione nel loro ufficio milanese, da lì è partito tutto.»

A quale band hai pensato per prima quando hai deciso di scrivere questo libro o c’è stata una band che ti ha fatto venire in mente di scrivere questo libro?
«Devo ammettere di aver riso, e so che tutti abbozzerete un sorriso. Questo perché quando si pensa a Tolkien e al metal, l’immagine che si concretizza nella mente è quella dei Bardi di Krefeld. È una sorta di debito che noi metaller abbiamo nei confronti dei Blind Guardian e di Nightfall In Middle-Earth, quando uscì quel disco cambiò per sempre il rapporto fra il Professore e la musica dura. In realtà sono stati i gruppi più piccoli e meno conosciuti a spingermi a scrivere il libro, per tentare di far conoscere anche dei dischi o canzoni poco diffusi ma di grande valore. Non voglio però rovinarvi la sorpresa.»

Ricordi qual è stato il primo riferimento tolkieniano che notasti in una canzone?
«Al di là di aver assistito all’uscita di Nightfall In Middle-Earth nel 1998, ti direi senza dubbio Battle At Helm’s Deep degli Attacker.»

nightfall-in-middle-earthMentre scrivevi questo libro hai scoperto nuovi punti di vista su Tolkien, magari poco noti anche tra gli studiosi o gli appassionati?
«Posso dirti di aver trovato delle conferme. Ho incontrato la strumentalizzazione delle opere tolkieniane soprattutto nel metal estremo, con il lampante esempio del black nazionalsocialista che mi ha ricordato spropositate “accezioni” politiche assegnate in maniera forzata a Tolkien, che noi tutti ben conosciamo. Mi ha fatto sorridere anche l’uso delle parole del Professore come mezzo di conversione cristiana che si poteva riscontrare in alcune band aderenti al Jesus Movement statunitense. La querelle sul Tolkien cristiano o pagano credo sia ancora viva, nonostante l’imprescindibile libro di Claudio Testi sull’argomento.»

Oltre ai riferimenti testuali, diretti o rielaborati, hai trovato anche delle riprese delle colonne sonore dei film ispirati ai libri di Tolkien? Ti sei imbattuto in testi tolkieniani accompagnati da musiche che riprendevano grandi compositori classici?
«Sì, ho trovato gruppi che hanno rielaborato i motivi delle colonne sonore di Shore, e, per la maggior parte, non li ho presi in considerazione. Mi sono attenuto ai riferimenti letterari. Per quanto riguarda i compositori classici, c’è sempre quel legame fra Tolkien e Wagner che aleggia, ma che in realtà non si concretizza mai fino in fondo.»

Quali sono i testi di Tolkien ripresi più spesso?
«Il Silmarillion e Il Signore degli Anelli sono le due opere di Tolkien più citate o a cui le band si sono in maggior misura ispirate. A seguire Lo Hobbit e sezioni della History Of Middle-Earth, in particolare i primi due volumi.»

Quali sono le scene che più sembrano ispirare i musicisti?
«Per Il Signore degli Anelli la Battaglia del Fosso di Helm e quella ai Campi del Pelennor. Per Il Silmarillion invece l’Oscuramento di Valinor, il Fratricidio di Alqualondë, la storia di Beren e Lúthien.»

A chi ti sei rivolto per la copertina?
««L’illustrazione di copertina è di Ivan Cavini, ormai un punto di riferimento per le cover dei libri tolkieniani. Devo dire che, come per la casa editrice, mi sono rivolto a lui senza particolari indecisioni e si è arrivati abbastanza in fretta a una versione definitiva. Ivan si è dimostrato un grande professionista.»

Se l’intervista ha stuzzicato la vostra curiosità e non potete attendere fino al 30 ottobre (data del Tolkien Seminar dedicato a questo tema), visitate il sito della Tsunami Edizioni, dove potrete scaricare un’anteprima del libro in pdf e prenotare la vostra copia del volume.

ARTICOLI PRECEDENTI
A Lucca C&G una mostra i seminari e il calendario
Tolkien e il Metal – Gli anni ’70: i precursori
Tolkien e il Metal – 1: un’introduzione
Tolkien e il Metal 3 – Gli anni ’80 e ’90
Tolkien e il Metal parte 4 Ecco il Power Metal (1)
Tolkien e il Metal 5: il Power Metal (2)
Tolkien e il Metal 6: il Power Metal (3)
Intervista esclusiva ai Blind Guardian
LINK ESTERNI
– Vai al sito della Tsunami Edizioni
– Vai alla pagina del Programma degli incontri
– Vai alla pagina del seminario AIST 1 a Lucca Comics and Games
– Vai alla pagina del seminario AIST 2 a Lucca Comics and Games
– Vai alla pagina del seminario AIST 3 a Lucca Comics and Games
– Vai alla pagina del seminario AIST 4 a Lucca Comics and Games
.


 


Share This Post

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More

Trackbacks/Pingbacks

  1. Di ritorno da Lucca Comics & Games 2016 « Tutto sul mondo di J.R.R. Tolkien e dintorni – Tolkien Society of Italy
  2. Tolkien sotto l’albero: le strenne di natale « Tutto sul mondo di J.R.R. Tolkien e dintorni – Tolkien Society of Italy
  3. Il Signore del Metallo a Cartoomics di Milano « Tutto sul mondo di J.R.R. Tolkien e dintorni – Tolkien Society of Italy

Leave a Reply

 characters available