A FantastikA le lingue elfiche: iscriviti subito!

Edouard KloczkoÈ da non perdere quest’anno la quarta edizione di FantastikA, la Biennale d’arte del fantastico che celebra l’arte fantasy, horror, fantascientifica e grottesca con mostre, workshop, incontri e conferenze. Il 22 e 23 settembre, visto l’enorme successo della scorsa edizione, sarà coinvolto tutto il borgo medievale di Dozza Imolese (Bologna). L’edizione si preannuncia ricca di momenti importanti con il risveglio del drago Fyrstan, che il pubblico ha potuto ammirare solo nel 2016, l’inaugurazione del Centro Studi Tolkieniani “La Tana del Drago”, spettacoli pirotecnici e concerti di chiusura, oltre ad una Rocca completamente dedicata all’arte. Tra le attività più attese ci saranno anche i corsi di lingue elfiche. Lo avevano già annunciato, ma adesso siamo giunti al momento che tanto aspettavate e che ci avete chiesto nelle numerose vostre mail: ecco quindi tutto quel che avreste voluto sapere sul corso!

Un esperto dalla Francia: Édouard Kloczko

Björn-Olav Dozo e Édouard Kloczko - Liège 2018Per inaugurare al meglio la sala didattica del Centro Studi a Dozza l’Associazione Italiana Studi Tolkieniani non poteva che affidarsi a un luminare nel campo dello studio delle lingue elfiche facendolo venire direttamente dalla Francia: Édouard Kloczko, che ha già tenuto corsi all’università di  Bruxelles nel 2013 e nel 2015, e a quella di Liegi nel 2018. L’autore, nato a L’viv (Leopoli) in Ucraina il 22 agosto 1963, è un linguista, traduttore e saggista. Ex-allievo dell’EPHE (École pratique des hautes études) e diplomato presso l’INALCO (Institut national des langues et civilisations orientales), tra le sue opere più importanti vanno ricordati i due libri sulle lingue artificiali di J.R.R. Tolkien. Kloczko è anche il fondatore della Facoltà di studi elfici, la prima associazione francese degli amici di Tolkien che non è più attiva. Quest’anno, 2018, ha fondato un’associazione internazionale chiamata WELA o World Elvish Language Association. «Mi sono avvicinato al mondo della Terra di Mezzo nel 1978», ricorda il linguista sul suo sito web: «Nel 2008 ho pubblicato L’Encyclopédie des Elfes (per la casa editrice Pré aux Clercs) e nel 2010 Le Monde Magique de Tolkien (per la casa editrice Auzou)». In Italia conosciamo i suoi libri grazie a Tre Editori, che ha pubblicato nel 2002 i due primi (e attualmente unici) volumi della sua “Enciclopedia illustrata della Terra di Mezzo”: Lingue elfiche. Quenya e Lindarin e Lingue degli Hobbit, dei Nani e degli Orchi. Frutto di una ricerca durata diversi anni, i volumi comprendono storie, dizionari, grammatiche, immagini e mappe sulle diverse lingue attraverso le Ere della Terra di Mezzo, non si tratta di semplici idiomi ‘inventati’ ma di vere e proprie comunità linguistiche da scoprire. L’ultima sua fatica è Le Haut-Elfique pour les débutants (L’Alto Elfico per principianti), il libro più completo attualmente disponibile sul Quenya, una delle due lingue principali parlate dagli Elfi nelle opere di Tolkien.
Edouard Kloczko lezioniNella giornata di sabato 22 settembre il professor Kloczko terrà due workshop, uno di livello introduttivo, l’altro di livello avanzato. Entrambi sono a pagamento e a numero chiuso, così da permettere un’atmosfera seminariale che permetterà agli allievi un rapporto diretto con l’insegnante. La durata dei due corsi sarà di 4 ore l’uno, divisi in seminari di due ore con pause. Gli appassionati di Tolkien avranno quindi la possibilità di fare una vera e propria full immersion in un mondo affascinante che permetterà di comprendere ancora di più la Terra di Mezzo e i suoi popoli. Il prezzo dei corsi è necessario all’associazione per i costi di gestione del corso e per la ristrutturazione del Centro Studi, come lo saranno tutti i corsi ospitati in futuro. Non si tratta di un’operazione commerciale e lo studioso francese partecipa gratuitamente alla manifestazione.

Un workshop di scrittura elfica

Seminario_Arduini-Gianotto 2017Domenica 23 settembre ci sarà, invece, l’occasione di capire come funziona la scrittura elfica, con un seminario tutto dedicato all’alfabeto e ai numeri inventati dagli Elfi. Anche in questo caso il workshop è a pagamento e a numero chiuso, durerà due ore e sarà tenuto da Sara Gianotto, responsabile editoriale Eterea, socia e saggista AIST che si è occupata della pubblicazione di Scrivere in Tengwar e I Numeri degli Elfi e ha tenuto seminari a Lucca Comics and Games e al Salone Internazionale del libro di Torino. Per l’occasione, verranno distribuiti gratuitamente agli allievi i due manuali Quart dedicati all’argomento, che saranno utili per i vari esercizi che si faranno durante il seminario. Verso il 1931 Tolkien inventò le Tengwar: il suo obiettivo era quello di creare un sistema di scrittura armonico e raffinato. All’interno del legendarium, l’inventore delle Tengwar fu Fëanor, un Elfo della stirpe dei Noldor, il creatore dei Silmarilli. Scrivere in Tengwar - bSi tratta di una serie di segni grafici che gli Elfi adattavano ai loro modi di scrittura per rappresentare i segni delle varie lingue. Scrivere in tengwar infatti non significa automaticamente scrivere in elfico: tradurre un nome o traslitterarlo semplicemente sono due cose ben diverse. Ancor più delle tengwar, le modalità di numerazione degli Elfi sono un argomento finora mai analizzato nel dettaglio, che permette però di aprire un’interessante finestra sulla vita quotidiana degli Elfi. Gli Elfi usavano sia il sistema decimale sia quello duodecimale, e c’era momenti e occasioni per usare l’uno o l’altro. Siete impazienti di saperne di più? Correte a iscrivervi!!!

Dettagli tecnici

Data: sabato 22 settembre

Workshop di lingue elfiche – livello introduttivo

con il professor Édouard Kloczko

    1. ore 9,00-11,00
    2. ore 11,30-13,30

Posti disponibili: 20 allievi
Costo: 100 euro

Data: domenica 23 settembre

Workshop di lingue elfiche – livello avanzato

con il professor Édouard Kloczko

    1. ore 9,00-11,00
    2. ore 16,00-18,00

Posti disponibili: 20 allievi
Costo: 100 euro 

Data: sabato 22 settembre

Workshop di scrittura elfica 

con Sara Gianotto

    1. ore 18,00-20,00

Posti disponibili: 20 allievi
Costo: 50 euro (comprensivi di due manuali Quart)

Coloro che sono interessati alla frequenza del corso dovranno far pervenire la propria domanda al seguente indirizzo di posta elettronica: info@jrrtolkien.it . Per iscriversi bisognerà inviare una mail di richiesta qui, compilare il modulo d’adesione e pagare la quota. L’iscrizione deve avvenire entro il 15 settembre 2018, non oltre. Al termine di tutti i workshop sarà rilasciato un attestato di frequenza.
L’iscrizione andrà effettuata mediante bonifico corrispondente al workshop o al pacchetto per il quale si è optato alle seguenti coordinate bancarie:
BANCA PROSSIMA
CONTO INTESTATO A ASSOCIAZIONE ETEREA
IBAN: IT75T0335901600100000158294
DOMICILIO FISCALE: Via Clelia Bertini Attilj 34D, 00137 Roma (RM)
P.IVA: 14640021003

 

ARTICOLI PRECEDENTI:
– Leggi l’articolo L’AIST a Liège – 1: i corsi di lingua elfica
– Leggi l’articolo Cosa sta succedendo alle lingue elfiche?
– Leggi l’articolo A Bruxelles un corso per le lingue elfiche
– Leggi l’articolo Convegni e università per le lingue elfiche
– Leggi l’articolo Ecco svelata l’arte di scrivere in Tengwar
– Leggi l’articolo Tolkien: Maker of Middle-earth, la mostra
– Leggi l’articolo Ecco perché l’elfico è meglio dell’Esperanto

LINK ESTERNI:
-Vai alla pagina facebook di Edouard Kloczko
– Vai al sito di Parma Eldalamberon
– Vai al sito di Vinyar Tengwar

.



Share This Post

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More

Leave a Reply

 characters available

Iscriviti alla nostra Newsletter

Commenti più recenti

Pagine

Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere periodico, non rappresentano prodotto editoriale (ex L.62/2001).

Licenza Creative Commons

Quest'opera di http:www.jrrtolkien.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili nella pagina dei contatti.
Utilizziamo WP e una rielaborazione del tema LightFolio di Dynamicwp.