Gli antenati di Tolkien? Venivano dalla Prussia

Albero genealogicoOgni volta che una lettera inedita legata a J.R.R. Tolkien viene scoperta, vengono a galla nuovi dettagli sulla sua vita. Questa volta una lettera che risale al 1951 evidenzia come lo scrittore inglese (e ancora di più suo figlio Michael) fossero interessati e attivi nella ricerca delle origini della propria famiglia. Tolkien conosceva in parte l’albero genealogico del ramo paterno della sua famiglia, perché dopo della morte del padre i rapporti si erano molto raffreddati a causa della conversione della madre al cattolicesimo. Sembrano però essere confermate invece le ricerche di Ryszard Derdzinski, studioso polacco che dal 2010 è riuscito a risalire le tracce degli antenati di Tolkien indietro fino al XVI° secolo in Prussia orientale.

La lettera di Tolkien del 1951

John Ronald e Hilary TolkienProprio tramite le ricerche dello studioso polacco (che ha allargato il suo campo di ricerca del cognome Tolkien in Germania, Inghilterra, Canada, Stati Uniti, Australia, ecc.) si è giunti a una famiglia Usa i cui discendenti provenivano dall’Inghilterra, passando per il Canada. Nel 1951 la signora Florence Tolkien del Minnesota aveva letto Lo Hobbit, preso in prestito in biblioteca. Incuriosita dal comune cognome, il 20 marzo scrisse allora all’autore inglese, spiegando come il marito, Charles Embury Tolkien, era nato in Canada mentre il padre era morto quando lui era un bambino, senza avergli raccontato nulla delle origini della famiglia. La madre all’epoca si era trasferita con i figli nel South Dakota per vivere vicino alla sorella. Quindi, non c’erano molte tracce per risalire alla storia di famiglia, ma la signora aveva il sospetto che l’origine fosse in Inghilterra.
GenealogiaJ.R.R. Tolkien rispose alla lettera pochi giorni dopo averla ricevuta, il 30 marzo 1951. In essa, l’autore de Il Signore degli Anelli racconta come sia lui sia il figlio, Michael, erano particolarmente interessati alla storia della famiglia. Ma avevano iniziato troppo tardi le ricerche, perché le due Guerre Mondiali e soprattutto la morte dei familiari più anziani aveva impedito di sapere molte informazioni sulla famiglia paterna. Tolkien ipotizzava nella lettera che probabilmente fossero cugini di terzo grado di parentela. Questo è lo spunto per parlare dei propri antenati: «La famiglia, secondo la tradizione, è della piccola nobiltà della Sassonia (nei dintorni di Lipsia). Il nome passò anche in Polonia (probabilmente al momento dell’unione delle corone di Polonia e Sassonia) e soffri dell’aggressione prussiana. Dopo l’invasione prussiana (del 1746 o giù di lì) i nostri antenati diretti fuggirono (anche se almeno di uno dei familiari si sapeva che era stato giustiziato per sua resistenza) e persero tutte le proprietà riparando in Inghilterra, con un figlio, allora un bambino. Sembra che gli emigrati siano diventati molto “inglesi” molto rapidamente, abbandonando il tedesco e mantenendo solo l’avversione per la Prussia…
pianoforte JB TolkienLa famiglia immigrata sembra aver risieduto inizialmente a Londra, ma mio nonno si trasferì a Birmingham. Secondo la tradizione tedesca, la musica e l’arte erano le loro attività principali – anche se c’è un “ramo marinaresco” (probabilmente proveniente da matrimoni con inglesi). Il mio zio più vecchio era un marinaio. Si occupavano principalmente di orologi e pianoforti. Si può ancora trovare il nome Tolkien (Henry Tolkien) sulle vecchie pendole e alcuni dei pianoforti più rinomati erano una volta i Tolkien, in particolare i pianoforti “JB Tolkien” fatti da mio nonno. Una volta era un uomo ricco, ma non era un commerciante anzi aveva una rigida educazione religiosa battista e non si sarebbe mai occupato di sale da concerto e teatri. Quando l’ho conosciuto, negli anni novanta [dell’Ottocento], era un vecchio caro, ma povero».
L’autore de Il Signore degli Anelli ha modo anche di descrivere lo stemma di famiglia: «Quest’ultimo è stato detto essere, o essere stato, uno scudo blu con due galloni dorati con cinque stelle dorate a cinque punte, tre sopra e due sotto. Sopra lo scudo un mezzo grifone. Non lo sto descrivendo nel linguaggio tecnico araldico perché i termini sono incerti (e in ogni caso secondo la terminologia tedesca). Questo stemma proviene dal timbro di un sigillo di mio padre. Il motto si dice essere stato “Fest und Treu” [“Fermo e Fedele”].
Anche se la famiglia è inglese da 200 anni, non sembra essere diventata molto diffusa. Il nome non si incontra mai – o quasi mai – negli elenchi telefonici o nei libri! E quando ne ho trovato uno, il suo proprietario si è sempre rivelato essere un parente abbastanza stretto».

Le ricerche di Ryszard Derdzinski

Molte delle informazioni riportate da Tolkien nella lettera sono esatte. Qualche particolare è inesatto e grazie alle ricerche di Ryszard Derdzinski, si può ora integrare e correggere. La famiglia Tolkien ebbe origine nella città prussiana di Kreuzburg vicino a Königsberg, dove il nome Tolkien è attestato dal XVI° secolo. Sembra che in precedenza, dal XIII° secolo, risiedesse a Wernigerode in Sassonia. Non però a Lipsia come riporta Tolkien nella lettera (tra Wernigerode e Lipsia ci sono circa 150 km)! La linea paterna di J.R.R. Tolkien inizia con Michel Tolkien, nato intorno al 1620 a Kreuzburg. Il figlio di Michel, Christianus Tolkien (1663-1746) era un ricco mugnaio a Kreuzburg. Suo figlio Christian Tolkien (1706-1791) si trasferì da Kreuzburg alla vicina Danzica (allora in territorio polacco che subì la pressione prussiana dal 1770 al 1773). Dei suoi figli, negli anni 1766-1770 Daniel Gottlieb Tolkien (1747-1813) fuggì in Inghilterra con suo fratello minore (non con un figlio!) Johann (in seguito conosciuto come John) Benjamin Tolkien (1752-1819). Non c’è traccia di alcun membro della famiglia che sia stato giustiziato dai prussiani perché in realtà i Tolkien erano prussiani! I due fratelli divennero i capostipiti del ramo inglese dei Tolkien. La famiglia appare per la prima volta in documenti inglesi già nel 1777.
Stemma di famigliaSembra che J.R.R. Tolkien non conoscesse il suo bis-bisnonno Johann (John) Benjamin Tolkien, nato a Danzica nel 1752 e morto a Londra nel 1819, che era il bis-bisnonno di J.R.R. Tolkien. Nel 1792 John Benjamin Tolkien e William Gravell rilevarono la manifattura di Erdley Norton a Londra, che da allora vendette orologi sotto il nome di Gravell & Tolkien. Daniel Gottlieb ottenne la cittadinanza britannica nel 1794, ma a quanto pare John Benjamin non divenne mai un cittadino britannico. Anche il loro nipote tedesco Daniel Gottlieb Bergmann si unì a loro a Londra. Il primo John Benjamin Tolkien è sepolto nel cimitero di Bunhill Fields a Londra ed era un calvinista metodista. Probabilmente il professore non sapeva di questa tomba. I Tolkien d’Inghilterra probabilmente erano battisti di dottrina indipendente. Il ramo che porta allo scrittore inglese è solo quello dei discendenti di Johann/John, il fratello minore giunto da Danzica. Lo zio di J.R.R. Tolkien, John Benjamin Tolkien (IV, 1845-1883) ebbe una sola figlia, Beatrice Emily Louise Tolkien (1868-1935). Lo stemma di famiglia storico era diverso da quello descritto dal Professore e anche il motto, seppur ottimo, è probabilmente un falso.

ARTICOLI PRECEDENTI:
– Leggi l’articolo I timori di J.R.R. Tolkien in una lettera inedita
– Leggi l’articolo Spunta una lettera inedita di J.R.R. Tolkien
– Leggi l’articolo Spunta un’audio inedito: Tolkien tra gli hobbit
– Leggi l’articolo Tolkien odiava insegnare? Ecco perché è falso
– Leggi l’articolo In una lettera Tolkien e Auden su Aragorn e Arwen
– Leggi l’articolo Poesia inedita all’asta a Londra il 13 novembre

LINK ESTERNI:
– Vai al sito di Ryszard Derdzinski

.


Share This Post

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More

Leave a Reply

 characters available

Iscriviti alla nostra Newsletter

Commenti più recenti

Pagine

Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere periodico, non rappresentano prodotto editoriale (ex L.62/2001).

Licenza Creative Commons

Quest'opera di http:www.jrrtolkien.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili nella pagina dei contatti.
Utilizziamo WP e una rielaborazione del tema LightFolio di Dynamicwp.