Gli Inklings tornano in libreria

Gli InklingsIn tre si è in compagnia. Così recita il titolo del terzo capitolo della Compagnia dell’Anello. Descrivendo come Sam e Pipino sostengono Frodo nel suo primo viaggio lontano da casa, forse J.R.R. Tolkien pensava a se stesso e a come proprio quei capitoli fossero stati accompagnati dal giudizio e dal sostegno entusiasta di amici e colleghi. Era quella cerchia mobile e variabile di professori e scrittori che si raccoglieva intorno a C.S. Lewis, l’autore delle Cronache di Narnia. Tra loro c’erano futuri scrittori e saggisti come Owen Barfield, e Charles Williams, il figlio di Tolkien, Christopher (poi divenuto anch’egli professore e curatore di tutti i testi del padre) e Warren “Warnie” Lewis (il fratello maggiore di C.S. Lewis). Nella Oxford degli anni della Seconda Guerra Mondiale e dell’immediato Dopoguerra il gruppo era un’istituzione: li si poteva vedere ogni martedì in un pub chiamato Eagle and Child discutere davanti a un boccale di birra e andare al giovedì nell’appartamento di Lewis al Magdalen College per scambiarsi letture a voce alta dei libri che ciascuno stava scrivendo.

Pub Eagle and Child a OxfordErano gli Inklings. «È un gioco di parole piacevolmente ingegnoso, a modo suo – spiegò John Ronald Reuel Tolkien in una lettera del 1967 (la 298)-, che suggeriva l’idea di persone con indizi e idee vaghe o solo abbozzate [inkling], e in più che si dilettano a pasticciare con l’inchiostro [ink]». Questo perché, scrisse ancora lo scrittore, «era nostra abitudine leggere ad alta voce composizioni di vario genere (e lunghezza!), … C.S.L. aveva una vera passione per ascoltare le cose lette ad alta voce, una capacità di memoria per le cose ricevute in quel modo, e inoltre una facilità nella critica estemporanea».
Se pensate si trattasse di noiose e pompose lezioni che i luminari si facevano l’un l’altro, leggete qua la descrizione di una serata Inklings, sempre dalle lettere di Tolkien (la n. 90):

Alcuni membri del gruppo degli Inklings«Sono arrivato alle otto al pub Mitre dove sono stato raggiunto da Charles Williams e dall’ammiraglio rosso (Havard), deciso a fare un po’ di rifornimento prima di unirsi ai commensali già su di giri al Magdalen (C.S. Lewis e Owen Barfield). C.S.L. era alticcio, ma anche noi eravamo in gran forma; mentre O.B. è l’unico che può contrastare C.S.L., costringendolo a fare precisazioni su tutto e interrompendo i suoi discorsi più dogmatici con dei sottili distinguo. Il risultato è stato una serata molto divertente e molto combattuta, di cui, se un estraneo avesse origliato, avrebbe pensato che si trattasse di una riunione di nemici giurati che si scagliavano insulti mortali prima di estrarre le pistole». Gli Inklings raggiunsero una certa notorietà (dal momento che ebbero anche i loro detrattori), nel periodo in cui il gruppo ebbe vita. E quando alcuni
anni più tardi si seppe che in quel contesto Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit di Tolkien ebbero il suo primo pubblico, Lewis presentò agli amici il suo Le lettere di Berlicche e Charles Williams sottoponeva al gruppo i suoi «thriller metafisici», come La vigilia di Ognissanti.

libro Marietti 1820A questo gruppo è dedicata la biografia collettiva di Humphrey Carpenter, “Gli Inklings” che torna nelle librerie italiane andando ad aggiungersi alla collana “Tolkien e dintorni” dell’editrice Marietti 1820, tradotta ex novo dalla filologa germanica Maria Elena Ruggerini e curata dal gruppo di studio cui partecipa anche Associazione romana studi Tolkieniani. Il volume è stato presentato, presso l’Istituto Filosofico Studi Tomistici a Modena, dalla traduttrice e da Claudio Antonio Testi. Una nuova traduzione si è resa necessaria, scrive Ruggerini della Nota di traduzione, «per rendere giustizia a un gruppo di intellettuali i quali, per quanto trascurati dalla critica all’interno delle storie della letteratura inglese, hanno avuto un’influenza culturale almeno pari a quella esercitata dal ben più famoso circolo di Bloomsbury». Recensendo il libro in occasione della sua pubblicazione in Inghilterra, il Sunday Telegraph riportava: «Dev’essere tecnicamente molto difficile scrivere la biografia di varie persone contemporaneamente, ed è ancora più difficile catturare l’atmosfera di un gruppo… Carpenter è riuscito ad ottenere ambedue le cose in modo ammirevole».





Share This Post

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More

Leave a Reply

 characters available

Iscriviti alla nostra Newsletter

Commenti più recenti

Pagine

Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere periodico, non rappresentano prodotto editoriale (ex L.62/2001).

Licenza Creative Commons

Quest'opera di http:www.jrrtolkien.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili nella pagina dei contatti.
Utilizziamo WP e una rielaborazione del tema LightFolio di Dynamicwp.