Due classi alla scoperta dei draghi

Tana del Drago a DozzaL’Associazione Italiana Studi Tolkieniani è da anni impegnata in progetti destinati a portare Tolkien nelle scuole, come i due attualmente in corso a Ferrara, nell’Istituto di Istruzione Superiore “Guido monaco di Pomposa” di Codigoro e al Liceo Statale “Enrico Fermi” di Cecina, ma la settimana scorsa è stata la sede dell’associazione ad accogliere i giovanissimi alunni di due classi, una delle tappe del percorso all’interno del borgo medievale di Dozza (in provincia di Bologna) alla scoperta della creatura leggendaria più amata ed ammirata di tutte: il drago.
Un drago non è una fantasia oziosa. Quali che possano essere le sue origini, nella realtà o nell’invenzione, nella leggenda il drago è una potente creazione dell’immaginazione, più ricca di significato che il suo tumulo d’oro.
(Beowulf: mostri e critici, J.R.R. Tolkien)

Il resoconto dalla Tana

Classi in visita alla Tana del Drago 1Venerdì 10 maggio il Centro Studi “La Tana del Drago” e la rocca sforzesca di Dozza, hanno accolto due classi della scuola primaria di Toscanella di Dozza, per un percorso didattico dedicato ad una delle creature fantastiche più amate da grandi e piccini: il Drago.

Alcune maestre dell’istituto comprensivo Dozza Imolese, coadiuvate da alcuni soci dell’Associazione Italiana Studi Tolkieniani. hanno infatti organizzato una visita ai draghi di Dozza, dalla grande installazione del drago Fyrstan (realizzato da Ivan Cavini con lo Studio Sossai) che riposa nella torre maggiore della rocca, al murale del drago marino (realizzato dall’illustratore Paolo Barbieri durante la XXV Biennale del Muro Dipinto) fino alle opere esposte nel Centro Studi “La Tana del Drago” al n. 2 di via xx settembre.
Classi in visita alla Tana del Drago 2In poco più di due ore i bambini delle classi 2^A e 2^B hanno potuto così apprendere la leggenda del drago Fyrstan e l’etimologia del suo nome, cogliere l’epica della letteratura tolkieniana e conoscere le basi dell’illustrazione fantasy, attraverso l’osservazione dei murales e delle opere realizzate da grandi artisti italiani.
Il percorso didattico avrà naturale proseguimento a scuola, dove le insegnanti approfondiranno le tematiche del fantasy e le basi storiche dalle quali le leggende si suppone abbiano avuto origine, anche attraverso laboratori artistici e giochi.

Classi in visita alla Tana del Drago 3Si ringraziano per disponibilità e competenza: la Fondazione Dozza Città d’Arte, le maestre Marinella Bonini, Pignataro Maria Cristina, Cevenini Silvia e Bertozzi Monia, il giovanissimo Andrea Cavini che ha fatto da guida con passione e competenza, oltre ai piccoli allievi che hanno seguito con grande interesse e partecipazione.

Ivan Cavini

ARTICOLI PRECEDENTI:
– Leggi l’articolo Tolkien torna a scuola, inizia un corso a Cecina
– Leggi l’articolo A San Benedetto, Tolkien tra libri e buona tavola
– Leggi l’articolo Ferrara, Tolkien entra al liceo a Codigoro
– Leggi l’articolo Un Hobbit a Pontelago: il resoconto finale
– Leggi l’articolo I Draghi e il fantastico in Emilia Romagna
– Leggi l’articolo A Dozza nasce un drago: a FantastikA il 24-25/9

LINK ESTERNI:
– Vai alla pagina facebook Centro Studi – la Tana del Drago
– Vai al sito di Ivan Cavini
– Vai alla pagina facebook del drago Fyrstan
– Vai al sito della Fondazione Dozza Città d’Arte

.



Share This Post

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More

Leave a Reply

 characters available