La trilogia di Peter Jackson

Film: locandina del Signore degli Anelli: la Compagnia dell'AnelloDieci anni fa Peter Jackson portava sullo schermo un’impresa che si riteneva sulla carta impossibile: dare vita al “Signore degli Anelli”. Con “La Compagnia dell’Anello” il regista neozelandese dava inizio a una trilogia che si sarebbe conclusa tre anni dopo. In mezzo incassi stratosferici, critiche esaltanti e un bottino di premi Oscar. Tra miti e leggende, progetti grandiosi e nuovi effetti speciali, il percorso di Peter Jackson, cineasta neozelandese è divenuto punto di riferimento per gli appassionati di cinema e di J.R.R: Tolkien di tutto il mondo.
Prima di farne un capolavoro, Jackson aveva definito il libro di Tolkien come “impossibile da filmare”. Raccontare l’universo creato da John Ronald Tolkien era un azzardo e una sfida complicata, non solo per via dei tantissimi appassionati della saga ma anche per la complessità dell’opera in sé. Perché oltre al racconto delle vicende di Frodo che deve distruggere l’anello di Sauron, l’oscuro signore di Mordor, ci sono tutta una serie di “sottotesti” che rendono “Il Signore degli Anelli” un qualcosa di universale, molto simile all’epica. Jackson è riuscito in pieno a cogliere l’anima di tutto ciò e, a distanza di così tanto tempo, lo stupore della prima visione rimane intatto e per certi versi si rafforza. Il primo capitolo soprattutto, è quello che mantiene in maniera quasi ossessionatamente maniacale tutta la densità narrativa che si trova sulla pagina scritta. Al di la di tagli e scelte dovute, per quanto dolorose.

Peter Jackson alla serata degli OscarTra le pellicole che hanno preso vita dal romanzo, la sua trilogia sicuramente la più nota, che si è dimostrato anche un vero e proprio record di incassi al botteghino, facendo anche il pieno di premi: ben 17, di cui ben 11 a “Il ritorno del Re”. Notevole è anche il cast radunato per il kolossal, proprio come il libro fonte d’ispirazione per altre pellicole di genere fantastico. Elijah Wood, Ian McKellen, Orlando Bloom, Viggo Mortensen, Liv Tyler, Christopher Lee, Sean Astin e Andy Serkis nei panni del celeberrimo Gollum. Un gruppo di attori eccellenti che ha immancabilmente contribuito al successo del film. È stato solo con lo sviluppo di nuove tecniche cinematografiche, in particolare l’evoluzione della computer grafica, che il progetto è divenuto possibile. I tre film sono stati girati contemporaneamente, in diversi set sparsi per la Nuova Zelanda, e sono caratterizzati da un ampio utilizzo di effetti speciali assolutamente innovativi e di modellini e diorama, sviluppati interamente dalla Weta Digital e dalla Weta Workshop, società cinematografiche fondate da Peter Jackson stesso. La computer grafica, in particolare, è stata molto usata, sia nelle piccole ambientazioni che nelle scene delle grandi battaglie, per quali sono state programmate migliaia di comparse digitali, in modo tale che avessero una discreta autosufficienza di movimento ed azione.

Film: locandina del Signore degli Anelli: Il ritorno del ReLa bravura del regista, che titanicamente
si è confrontato con un romanzo narrativamente debordante, risiede nel non aver ridotto l’opera ad una favoletta insignificante e ad avere utilizzato i molti effetti speciali senza nessuna ostentazione, ma solo per dotare la pellicola di una potenza visiva visionaria e affascinante. Dietro di lui c’è il libro. Tolkien scriveva meravigliosamente, in un inglese bellissimo, che ancora ci spinge a rileggere certi episodi solo per tirarci su di morale. Il capitolo della locanda in cui gli Hobbit incontrano Aragorn, o l’arrivo a Rivendell nella casa di Elrond, la carica dei Rohirrim o l’incontro nelle viscere di Mordor con il ragno gigante Shelob sono brani che reggono anche alla millesima rilettura. Jackson lo sapeva bene, e da lettore attento qual è, in quelle scene ha reso lo stesso fascino delle parole di Tolkien.

Le recensioni di Alberto Crespi:
– Vai al film La Compagnia dell’Anello
– Vai al film Le Due Torri
– Vai al film Il ritorno del Re

Altri articoli:
Video e immagini dal set dello Hobbit di Peter Jackson
Le immagini dello Hobbit di Peter Jackson
Lo Hobbit e il Tolkien Reading Day
Link esterni:
Il blog di Peter Jackson

.


Share This Post

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More

Trackbacks/Pingbacks

  1. «I film di Peter Jackson? Io preferisco Tolkien» « Tutto sul mondo di J.R.R. Tolkien e dintorni
  2. Lo Hobbit 3 cambia titolo: la Battaglia dei 5 eserciti « Tutto sul mondo di J.R.R. Tolkien e dintorni
  3. Il Silmarillion di Tolkien secondo Peter Jackson « Tutto sul mondo di J.R.R. Tolkien e dintorni
  4. I film e la desolazione dello Smaug mutante « Tutto sul mondo di J.R.R. Tolkien e dintorni
  5. Hobbit, #NotOneLastTime Il viaggio continua… « Tutto sul mondo di J.R.R. Tolkien e dintorni
  6. Il Silmarillion come trilogia al cinema « Tutto sul mondo di J.R.R. Tolkien e dintorni – Tolkien Society of Italy
  7. Su Sky un canale per Il Signore degli Anelli « Tutto sul mondo di J.R.R. Tolkien e dintorni – Tolkien Society of Italy

Leave a Reply

 characters available

Iscriviti alla nostra Newsletter

Commenti più recenti

Pagine

Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere periodico, non rappresentano prodotto editoriale (ex L.62/2001).

Licenza Creative Commons

Quest'opera di http:www.jrrtolkien.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili nella pagina dei contatti.
Utilizziamo WP e una rielaborazione del tema LightFolio di Dynamicwp.