Uno smial a Pesaro: La Compagnia del Mallorn

La Compagnia del Mallorn - logo smialLa grande famiglia degli smial italiani continua a crescere: gli inizi di dicembre 2018 avevamo dato notizia della nascita di un nuovo smial tolkieniano a Gubbio, le Guardie della Cittadella, e oggi parliamo la nuova realtà da poco fiorita nella città di Pesaro, ovvero La Compagnia del Mallorn.
Per presentarvi il nuovo gruppo diamo voce al suo referente, Pierluigi Cuccitto, appassionato di Tolkien di lunga data, tanto da gestire un proprio blog dedicato alle opere del Professore, Migrantes of Middle Earth.
Proponendovi questa breve intervista, vi auguriamo una buona lettura e, nel caso tra il nostro pubblico ci fossero tolkieniani di Pesaro e dintorni, vi invitiamo a contattare La Compagnia del Mallorn senza esitazione per condividere il vostro amore per la Terra di Mezzo, discutere di libri e godervi una tranquilla serata hobbit in compagnia.

Incontriamo la La Compagnia del Mallorn

Come si è riunita la vostra giovanissima compagnia?
Una sera di un annetto fa eravamo in un pub di Pesaro, io e un altro membro della Compagnia, e abbiamo discusso sulla possibilità di creare un gruppo che potesse parlare di Tolkien in libertà e tranquillità, senza passare per forza per le forche caudine del “eh, loro parlano di Tolkien, sono strambi”. Vi assicuro che ci sono ancora reazioni del genere… comunque eravamo fiduciosi, perché in realtà a Pesaro c’è una solida tradizione tolkieniana, anche se nascosta e dispersa. Però non avevamo idea di come fare. Da allora è passato più di un anno, poi grazie alla conoscenza dell’AIST e del suo presidente, Roberto Arduini, ho saputo dell’esistenza di vari smial e ho capito che quella era l’occasione e la modalità giusta!

Per quale motivo avete scelto Pesaro come luogo d’incontro?
Essendo tutti, almeno per ora, di Pesaro, è sicuramente il luogo ideale per tutti. Naturalmente speriamo anche di coinvolgere qualcuno dalle due città vicine, Fano e Senigallia; allora vedremo di alternare il luogo dei raduni.

La Compagnia del Mallorn è un nome molto particolare, che evoca l’incanto di Lothlórien, ma anche la rinascita della Contea dopo la Guerra dell’Anello e la devastazione di Sharkey: infatti il vostro logo ha una porta hobbit sotto l’albero dorato. Perché lo avete scelto?
Personalmente, il Mallorn che cresce nella Contea grazie al dono di Galadriel a Sam Gamgee mi ha sempre affascinato: mi è sempre sembrato un modo molto efficace per descrivere l’unione della vita umana con elementi più “alti”, ciò che rimane dopo la fine della Guerra dell’Anello, e ho proposto agli altri questa idea, perché mi sembrava che la nostra compagnia potesse avere questo compito, a livello di gruppo tolkieniano: trasmettere la bellezza delle storie di Tolkien attraverso l’occhio “hobbitesco” che è presente nelle Marche, con le colline e il gusto per il cibo e la terra sana da coltivare. Una unione tra poesia e concretezza, insomma!

Quanti membri conta al momento la vostra compagnia? Siete tutti tolkieniani di lunga data o avete già iniziato anche nuovi lettori alle opere del Professore?
Per ora siamo sei membri fissi, o quasi, ma abbiamo anche due membri che presto si aggiungeranno a noi, con una variazione ragionata dei giorni per i raduni; e tre di noi sono già tolkieniani “rodati”, mentre gli altri sono agli inizi delle letture… ma curiosi e volenterosi!

Avete già in programma di organizzare un evento di portata più grande dei ritrovi serali o è un pensiero ancora troppo audace?
Per ora andiamo con la dovuta cautela, perché trovare il ritmo è la cosa essenziale, per un gruppo di questo tipo; ma per l’estate credo che possiamo cominciare a pensare a qualcosa di diverso e più ampio, come una serie di letture dei libri aperte ai curiosi e non solo ai membri dello smial… e una cena basata su ricette di Arda! E in futuro vedremo, siamo aperti a molte soluzioni!

ARTICOLI PRECEDENTI:
– Leggi l’articolo Nasce un nuovo smial tolkieniano a Gubbio
– Leggi l’articolo La primavera 2019 dello smial fiorentino
– Leggi l’articolo Come rinascerà la Contea abruzzese
– Leggi l’articolo In Abruzzo il primo Concilio di Elrond
– Leggi l’articolo «Piacere Sopracolle»: ecco lo smial di Bologna
– Leggi l’articolo Studiare Tolkien, secondo Cuccitto

LINK ESTERNI:
– Vai alla pagina facebook della Compagnia del Mallorn
– Vai al blog Migrantes of Middle Earth

.


 


Share This Post

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More

Leave a Reply

 characters available