Primavera, tempo di festival su J.R.R. Tolkien

La primavera è ormai giunta ed è subito tempo di gite, per picnic, passeggiate tra i boschi, trekking e… la passione per Tolkien! Visto “l’intasamento” di eventi, riportiamo una rassegna delle principali manifestazioni ispirate anche al professore di Oxford prossime venture. Belgioioso Fantasy 2011 Sabato 30 Aprile (dalle ore 14.00 alle ore 20.00) e domenica 1 Maggio (dalle ore 10.00 alle ore 20.00), al Castello di Belgioioso (vicino Pavia), si terrà la seconda edizione di Belgioioso Fantasy 2011, evento dedicato al mondo del Fantasy e al Medioevo Fantastico. Seguendo la moda del momento, nonché i libri e i film usciti nelle sale, ...

J.R.R. Tolkien e il Medioevo

Una delle società tolkieniane più attive, quella tedesca (la Deutsche Tolkien Gesellschaft), lancia la nuova edizione dei Tolkien Seminar. Si tratta di tre giorni di conferenze che si terranno all’università di Potsdam, vicino Berlino, dal 29 aprile al primo maggio. Il tema generale, Tolkien e il Medioevo, è dedicato a uno dei periodi storici più amati dal professore di Oxford. Le opere di Tolkien sono spesso legate alla cultura e alle tradizione medievale – e non è una sorpresa, considerando la sua preparazione accademica come medievalista. Ma cosa caratterizza esattamente il dialogo tra il Medioevo e la modernità (letteraria e ...

George R.R. Martin tra Games of Thrones e J.R.R. Tolkien

Negli Stati Uniti, George R.R. Martin non è il più conosciuto e amato tra gli scrittori fantasy. Negli ultimi tempi, diversi siti (tra i molti possiamo citare questo o questo) hanno compilato liste in cui Martin deve cedere il posto ad autori bestseller come Christopher Paolini della saga di Eragon, o Robert Jordan del ciclo infinito della Ruota del Tempo, o meglio ancora alla decana del genere, Ursula K. LeGuin con il suo mondo di Earthsea, scrittrice anche di fantascienza e romanzi mainstream. Ma per gli appassionati della epic fantasy, Martin è di gran lunga il migliore, tanto che annunciando ...

Sviluppi: da Sendak a Yeskov e Shippey su Sigurd

In gergo si chiama “follow-up”: seguito, ancor meglio “sviluppo di una notizia”. Bene noi ne abbiamo troppe che premono per non occuparcene. Quindi, stavolta un bell’articolo composito, che rende giustizia a tutti i nostri “follow-up”. Lo Hobbit mai disegnato da Maurice Sendak Wayne Hammond, autore insieme a Chiristina Scull del The J.R.R. Tolkien Companion and Guide, su MythSoc, la mailing list della Mythopoeic Society, ha inviato un messaggio sulla mancata collaborazione tra Tolkien e Sendak, fornendo la versione che si può trarre consultando gli archivi di Allen&Uwin e Houghton Mifflin, le due case editrici coinvolte. In sintesi è quella che abbiamo ...

Diana Wynne Jones, Tolkien e la sindrome di Polly

È da poco scomparsa, Diana Wynne Jones, scrittrice per ragazzi inglese considerata tra le più importanti del Novecento. Fa parte di quel gruppo di di autrici americane e inglesi (Ursula K. Le Guin, Philippa Pearce, Susan Cooper, Natalie Babbitt) che, a partire dagli anni ’50, hanno ridefinito la letteratura fantastica per ragazzi, creando molti dei nuovi classici del genere. Jones, che ha scritto più di trenta romanzi, è conosciuta in Italia soprattutto per la saga di Chrestomanci (pubblicata da Salani) e ancor di più per la serie de Il Castello Errante di Howl (Kappa Edizioni), da cui il regista giapponese ...

Lo Hobbit che non fu mai disegnato

Non solo le lingue generano storie, come diceva Tolkien. Probabilmente anche le immagini. Almeno così sembra nel caso del filo conduttore che lega insieme tre famosi disegnatori a Lo Hobbit. E la storia rivela particolari inediti su una vicenda in parte nota circa il celebre romanzo di Tolkien. Sul Los Angeles Times l’autore e disegnatore Tony Di Terlizzi, legato a Tolkien per aver disegnato la copertina dell’edizione Del Rey dei Racconti Incompiuti (qui accanto), ha rivelato l’esito di una ricerca coronata da successo. Incuriosito dalla notizia di un breve contatto negli anni ’60 tra due suoi miti, J.R.R. Tolkien e ...

Buon Tolkien Reading Day!

Che leggiate Il Signore degli Anelli, Lo Hobbit o Il Silmarillion, che leggiate le poesie o le opere brevi, le lettere di Babbo Natale o le fiabe, buon Tolkien Reading Day a tutti! Il 25 marzo per i lettori di Tolkien, è il giorno della caduta di Sauron, a conclusione della “Guerra dell’Anello” nel Signore degli Anelli. Il tema di quest’anno è dedicato agli “Alberi di Tolkien”. L’Associazione romana studi Tolkieniani, insieme alla famiglia dei Proudneck, lo smial degli appassionati di Tolkien a Roma, si incontrerà stasera al pub Avalon, in Via Terni 21, a partire dalle 20.30 fino a notte ...

Sigurd & Gudrún, Shippey torna in Galles

Visti i buoni risultati, saranno ripetuti i due corsi online alla University of Wales Institute di Cardiff, che si sono svolti l’autunno scorso. A condurli è Dimitra Fimi, giovane conferma tra gli studiosi di Tolkien, autrice tra l’altro del libro Tolkien, Race and Cultural History, recentemente premiato con il 2010 Mythopoeic Scholarship Award in Inklings Studies. . I corsi cominceranno lunedi 23 maggio prossimo, ma per deliziare i palati più sopraffini, la professoressa greco-gallese ha preparato una bella sorpresa. Domani, mercoledì 23 marzo, la School of Education dell’università ospiterà una conferenza di Tom Shippey, professore emerito di Letteratura Inglese. L’argomento, Writing into the ...

Lo Hobbit e il Tolkien Reading Day

Mentre dall’altra parte del mondo, in Nuova Zelanda per intenderci, sono iniziate ufficialmente oggi le riprese per i due film de Lo Hobbit e Peter Jackson ha superato brillantemente anche un’ulcera perforata pur dare il ciak alle riprese, gli appassionati di J.R.R. Tolkien si preparano a festeggiare una delle date più sentite del calendario. Il 25 marzo sarà la migliore occasione per parlare dei prossimi due capitoli cinematografici sulla Terra di Mezzo perché cadrà, infatti, il Tolkien Reading Day. Creato dalla Tolkien Society inglese nel 2003 per incoraggiare i lettori a esplorare insieme alcuni dei racconti di Tolkien a scuola, all’università, ...

Frodo vive! Dopo 40 anni torna la Tolkien Con

Quando si tenne la prima Conference on Middle-earth, nel 1969, Il Signore degli Anelli era un libro scritto da un professore britannico adottato dagli hippie. Nel 1971, al momento della seconda edizione della conferenza, le cose erano praticamente le stesse, solo che gli hippie erano passati a droghe più pesanti. Poi sono passati quattro decenni. Ora, naturalmente, Il Signore degli Anelli è ancora un libro scritto da un professore britannico adottato dagli hippie… ma è anche una trilogia di film girati in Nuova Zelanda ed è adottato da milioni di fan in tutto il mondo. Solo considerando la fanfiction dedicata ...

La collezione di Verlyn

Quando si parla di sogni che si realizzano. Se ne era parlato proprio con lei in una cena a Modena nel maggio scorso… Così, è un piacere annunciare ora la prossima pubblicazione di un nuovo volume di Verlyn Flieger: si tratta di una collezione di saggi che verrà pubblicato dalla Kent State University Press la prossima estate: Green Suns and Faërie: Essays on J.R.R. Tolkien (ISBN 978-1-60635-094-2; prezzo negli Usa 24.95 dollari, intorno ai 18 euro). . Il libro è presentato dalla casa editrice come “un contributo importante al crescente corpus della critica su J.R.R. Tolkien”. Guardando la copertina, sembra di riconoscere ...

Manoscritti segreti di Tolkien, stavolta sono in Islanda

Più che una moda, sta divenendo un’epidemia! Dopo Mirkwood arriva un altro libro che ha al centro i “manoscritti segreti” di J.R.R. Tolkien. Ecco la trama de L’anello dei ghiacci (“Where the shadows lie”): «Islanda. Dintorni di Reykjavík. Il cielo non è mai stato così scuro e minaccioso. Le nuvole basse quasi toccano le nere acque del lago. Il detective Magnus Jonson vede a malapena il corpo, immerso nella foschia. È il cadavere di Agnar Haraldsson, uno dei più importanti studiosi dell’opera di Tolkien. La sua è una morte apparentemente assurda. Ma forse una spiegazione c’è, o quantomeno un indizio. ...

Mirkwood, contesa legale per la Tolkien Estate

Ce ne eravamo già occupati a metà gennaio. Abbiamo resistito, ma dopo che ne ha scritto l’inglese Guardian, la notizia è rimbalzata anche in Italia. Così, dobbiamo tornare su un fatto che sicuramente alzerà un polverone e farà pubblicità a un libro che a noi sembra un’operazione di marketing. Ma andiamo per ordine. John Ronald Reuel Tolkien è al centro di una nuova battaglia legale. Questa volta in Texas, negli Stati Uniti, tra i suoi eredi e Steve Hillard, autore del romanzo Mirkwood: A Novel About JRR Tolkien, altrimenti sconosciuto. Hillard, 62 anni, di Austin (Texas), non immaginava di essere diffidato ...

Tolkien e la fiaba norvegese

C’era una volta un povero contadino con la casa piena di figli, ma non aveva gran che da offrir loro per nutrirsi e vestirsi, belli erano tutti ma la più bella, incredibilmente bella, era la figlia minore… Inizia così una delle più note fiabe norvegesi. La scena che colpisce di più è l’amicizia tra la bambina e un orso bianco e il viaggio che compiono insieme. Se vi è venuto in mente il film (e il libro) La bussola d’oro di Philip Pullman non sbagliate. Anche lui si è ispirato alla fiaba norvegese, che si chiama East of the sun, west ...

Arriva dalla Russia il contrattacco di Mordor

“La storia è scritta dai vincitori”. È un vecchio adagio confermato dai fatti talmente tante volte che è divenuto proverbiale. Se Il Signore degli Anelli non fosse il frutto della fantasia di J.R.R. Tolkien, ma il resoconto di una guerra realmente avvenuta, probabilmente l’adagio sarebbe stato confermato una volta di più. E se fosse proprio così? La risposta positiva a questa domanda farebbe nascere molte riflessioni sul racconto di fatti realmente avvenuti. È quel che ha fatto un paleontologo russo… . . . La pignoleria di uno scienziato Kirill Yeskov è un biologo e paleontologo di Mosca con alle spalle ben 86 pubblicazioni scientifiche e la ...

Due call for papers su Tolkien

Un call for papers (CFP) è un metodo usato in ambito accademico per la raccolta di articoli per un libro o una rivista o per le conferenze nei convegni. Il CFP di solito viene inviato dagli organizzatori o dai curatori e descrive in modo ampio il tema, l’occasione per la richiesta di intervento, le modalità di invio e i suoi limiti (durata calcolata in minuti per una conferenza o in battute o parole per gli scritti), le norme redazionali e la tipologia di abstract (sintesi) da inviare. Sempre più internet sta divenendo il modo più diffuso per i Call for ...

Francobolli fantastici per gli inglesi

Sarà per far digerire l’aumento dei prezzi, sarà perché gli inglesi sono sempre stati appassionati di letteratura fantastica, sarà per frenare l’emorragia di lettere e cartoline, sta di fatto che la Royal Mail, la versione britannica delle Poste nostrane ha annunciato le prossime collezioni di francobolli per il 2011. Tra serie dedicate alla musica, al Wwf, a William Morris e Shakespeare, spicca quella intitolata “Magic Realms”. Come fa sapere il comunicato stampa, la serie è dedicata «ad alcuni dei personaggi che hanno affascinato generazioni di lettori»: – Nonna Ogg e Scuotivento (Nanny Ogg e Rincewind), che appaiono in molti dei ...

Verso la libertà grafica

Siamo lontani dai film di Peter Jackson è si vede. Finalmente. Non fraintendete, la trilogia cinematografica del Signore degli Anelli ha molti meriti ed è sicuramente un’opera grandiosa, forse irripetibile. Ma ha un difetto: l’aver creato un modello iconico che per molto tempo imporrà i suoi canoni. Dopo i film, difficilmente i lettori del Signore degli Anelli riusciranno ad aprire il libro senza vedere Viggo Mortensen in Aragorn od Orlando Bloom in Legolas, per non parlare dei suoi capelli biondi, che nel volume non ci sono (erano probabilmente scuri com’era la norma tra i Sindar; i capelli biondi erano una ...

In un nuovo romanzo i manoscritti segreti di Tolkien

Questo titolo, praticamente lo stesso dell’originale inglese, farà sicuramente sobbalzare sulla sedia ogni appassionato tolkieniano. Purtroppo, non è esattamente così: diciamo subito che la notizia non arriva da Christopher Tolkien, Priscilla Tolkien, né tantomeno da Tolkien Estate o HarperCollins. Non giunge nemmeno dalla Tolkien Society o da una delle prestigiose biblioteche che conservano i manoscritti dello scrittore inglese, dalla Bodleian di Oxford alla Markette University Library negli Usa. Si tratta solo di fiction. Sgombrato il campo agli scoop ed essendo nel campo della narrativa, Tolkien non poteva che divenire protagonista di una storia fantastica: il professore appare nelle prima pagine ...

Quando le parole cozzano

«…Sono parole che cozzano come macigni contro le interpretazioni, – tutte italiane peraltro – di Tolkien in chiave nostalgica o ancora manichea/reazionaria/alchemica e che fanno miseramente franare senza appello tutte le rispettive e velleitarie costruzioni a partire dalla famigerata introduzione al Signore degli Anelli scritta da Elemire Zolla per l’edizione italiana del testo…». Basterebbe questa lunga frase per menzionare la recensione di Saverio Simonelli, giornalista-conduttore della trasmissione “La Compagnia del… libro” su Tv2000, e acuto studioso di J.R.R. Tolkien. La frase dell’incipit è tratta dalla recensione – un po’ il cuore di tutto il testo – de “Il Ritorno di Beorhtnoth ...

Auguri, professore!

Uno dei motivi per cui Il Signore degli Anelli possiede quell’unico e inconfondibile “sapore” di realtà, è la raffinatezza ed il dettaglio della cronologia: ogni mossa della Compagnia dell’Anello prima, e dei singoli personaggi più tardi, avviene in una ben precisa data sincronizzata con tutte le altre. I più appassionati ricordano certamente a memoria le date più importanti: il 22 settembre, compleanno di Bilbo e Frodo; il 25 dicembre, la Compagnia lascia Granburrone; il 25 marzo, l’Anello viene distrutto. J.R.R. Tolkien però non si limitò a inventare storie, continenti, popoli e linguaggi: inventò anche calendari con i quali contare ...

In libreria Il ritorno di Beorhtnoth

È in libreria la nuova edizione del testo di J.R.R. Tolkien Il ritorno di Beorhtnoth figlio di Beorhthelm (Bompiani) a cura di Wu Ming 4. Oltre al testo di Tolkien, emendato da alcuni smaccati errori di traduzione presenti nella precedente edizione (Albero e Foglia, 2000), il libro contiene la traduzione italiana del poema breve La Battaglia di Maldon e un articolo monografico di Tom Shippey, massimo esperto tolkieniano vivente. In copertina un’illustrazione di Ian Miller, “La battaglia dei Campi del Pelennor”, impiegata in Il bestiario di Tolkien di David Day (Bompiani 1979) a pag. 236-237. Qui di seguito l’intervista al ...

Pubblicato il numero 13 di Endóre

Con immutato piacere, a quasi un anno di distanza dall’ultima volta, siamo lieti di annunciare l’uscita del numero tredici di Endóre, la rivista della Terra di Mezzo che, in una forma o nell’altra, da ormai 17 anni mantiene accesa la fiaccola tolkieniana in Italia. Endòre esce una volta all’anno, è in formato cartaceo e si riceve per posta. Contiene tutto quello che vorreste sapere sull’autore del Signore degli Anelli: recensioni, articoli, giochi ed una bibliografia particolarmente curata e aggiornata. Ancora una volta abbiamo la possibilità di gustarci il consueto mescolarsi di articoli giocosi e saggi approfonditi (e anche qualche saggio allo ...

Come Il Signore degli Anelli non fu pubblicato nel 1962

Un articolo pubblicato il 26 ottobre nelle pagine culturali del quotidiano La Repubblica svela un particolare finora inedito della storia editoriale italiana del Signore degli Anelli: nel 1962 la maggiore casa editrice italiana, la Arnoldo Mondadori, prese in considerazione l’ipotesi di pubblicare un’edizione italiana del capolavoro di Tolkien. Il documento riportato da Repubblica, del quale potete vedere una riproduzione qui sotto, è la scheda di lettura del Signore degli Anelli, e contiene l’illustre parere di Elio Vittorini, direttore della collana “La Medusa” di Mondadori a partire dal 1960. Il giudizio di Vittorini è severo: “Inclinerei a scartare: ma possiamo eventualmente provarci ad ...

Chi Siamo

L’Associazione romana studi Tolkieniani si è dotata di un nuovo sito: “Il sentiero dei sogni”, il cui nome non è immediatamente riconducibile alle opere del professore di Oxford. Si chiama “il sentiero dei sogni” (Olòre Malle in elfico) e prende il nome dal sentiero che consentiva ai bimbi umani di raggiungere, in sogno, le terre degli Elfi, che più non fanno parte del nostro pianeta. L’Associazione conserva, studia, valorizza e diffonde studi e opere relative alla vita e agli scritti di J.R.R. Tolkien, autore di due dei libri più amati del Novecento, Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli, e degli autori e ...
Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More

Iscriviti alla nostra Newsletter

Commenti più recenti

Pagine

Disclaimer

I contenuti di questo sito non hanno carattere periodico, non rappresentano prodotto editoriale (ex L.62/2001).

Licenza Creative Commons

Quest'opera di http:www.jrrtolkien.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili nella pagina dei contatti.
Utilizziamo WP e una rielaborazione del tema LightFolio di Dynamicwp.